Salvini: “Archiviate le accuse contro di me sulla Diciotti. E l’8/12 in piazza contro la Ue”

 

La Procura di Catania chiede l’archiviazione del ministro Matteo Salvini per il caso Diciotti. A darne notizia nel corso di una diretta Facebook, lo stesso titolare del Viminale che ha aperto la busta inviata dalla Procura durante il collegamento. «Mi è arrivata ora in ufficio una busta chiusa dalla Procura di Catania: sarò assolto o indagato? Dai che la apriamo insieme!», aveva annunciato il ministro all’inizio della diretta. Poi la lettura del testo, con la richiesta di archiviazione. Ora la decisione finale spetta al Tribunale di Catania.
«Sono contento, me lo aspettavo – commenta Salvini -. Ero sicuro di aver difeso l’interesse del mio Paese e di non aver commesso nessun reato. Ora spero che sia accolta la richiesta di archiviazione. Però mi chiedo: ma chi ha indagato, cosa ha indagato? Il procuratore di Agrigento, Patronaggio, perché ha indagato? Quanto è costata questa inchiesta? Quante persone ha coinvolto? Quante persone sono state mobilitate per un reato che non esisteva?».

“Il caso Diciotti: Quanto è costata l’inchiesta?”

Il vicepremier era finito sotto inchiesta assieme al suo capo di gabinetto per sequestro di persona, abuso d’ufficio e arresto illegale in merito al caso della Diciotti, la nave della Guardia costiera con a bordo 177 migranti bloccata nel porto di Catania per 5 giorni. «I 35 euro al giorno per i migranti diventeranno molti di meno, abbiamo messo a punto un documento d’intesa con Anac e il presidente Cantone», ha poi affermato il vicepremier sempre in diretta Facebook

Salvini dà appuntamento a Roma l’8 dicembre

Nel corso della diretta Salvini ha anche annunciato una grande manifestazione politica. «Vi aspetto sabato 8 dicembre a piazza del Popolo a Roma, alle 12, per dire ai signori dei Bruxelles: lasciateci lavorare. La nostra è una manovra che fa crescere l’Italia. Nessuna letterina potrà farci tornare indietro. Facciamo vedere al mondo che l’Italia vuole lavorare e respirare».