Meloni, appello a Salvini: «Il Global Compact è una fregatura, non firmare» (video)

sabato 17 novembre 12:14 - di Giorgia Castelli

«L’Onu vuole rifilarci una fregatura mondiale: il Global Compact. Un documento che impedirà agli Stati nazionali di fermare l’immigrazione di massa voluta da Soros & compagni. Fratelli d’Italia ha presentato in Parlamento una mozione e rivolge un appello a Salvini: il Governo non sottoscriva questo documento e difenda i confini nazionali». Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, lanciando sui social la campagna #noglobalcompact.

In un video pubblicato sulla sua pagina Facebook, Giorgia Meloni spiega che il Global Compact, «meglio conosciuto come Dichiarazione di New York, è un documento delle Nazioni Unite che rappresenta una vera e propria fregatura. È una dichiarazione sul tema dell’immigrazione nella quale vengono ribaditi una serie di diritti fondamentali dei rifugiati e degli immigrati che sono già previsti dalle convenzioni esistenti». Però, spiega Meloni ,«c’è una novità fondamentale: il Global Compact stabilisce che l’immigrazione è un diritto fondamentale di ogni essere umano. Garantisce qualunque tipo di immigrazione: non solo chi scappa dalla guerra, dalla violenza e dalla tortura, ma anche chi scappa dalla povertà, chi scappa dal caldo e chi si muove semplicemente perché gli va. Se l’Italia aderisse a questo documento non potrebbe più fare alcuna politica di controllo dei flussi migratori. Queste teorie che sono scritte nel Global Compact sono la vittoria dei mondialisti, di tutti quelli che hanno interesse a distruggere gli Stati nazionali e la loro identità: cioè il grande capitale, la speculazione, gli usurai, ovvero è la vittoria delle teorie della sinistra. Ma è una sconfitta per qualunque nazione che voglia difendere i suoi confini e la sua identità. Ed è la ragione per la quale  nazioni come gli Stati Uniti, l’Austria, l’Australia, l’Ungheria, la Polonia hanno già detto che non aderiranno al Global Compact. E l’Italia? Ha detto che aderirà. Fratelli d’Italia è disposta a fare le barricate e abbiamo depositato una mozione in Parlamento: chiediamo al governo che ritiri l’Italia dall’adesione al Global Compact, vogliamo continuare a difendere i nostri confini, a controllare i flussi migratori, a tutelare la nostra identità, in questo senso siamo pronti a fare le barricate. Io mi appello a tutto il Parlamento italiano, al governo, a Matteo Salvini: non sottoscrivete questa follia». Il post ha avuto nel giro di poche ore migliaia di like e condivisioni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • carlo.cervini@venetolavoro.it 19 novembre 2018

    Se è a nostro danno sarà sicuramente firmato come tanti altri accordi suicidi che hanno distrutto l’economia dell’Italia, siamo in periodo giacobino…………

  • gmartora17@gmail.com 18 novembre 2018

    Se veramente il Global Compact fosse il toccasana dell’immigrazione promettendo a tutti di muoversi indisturbati per il mondo prima si dovrebbe intervenire sull’economia si dovrebbero abolire le nazioni tutti i confini e gli interessi economici. Far sì che tutti possano attingere da nord a sud da est ad ovest alle risorse naturali in modo tale che ci sia un livellamento economico e culturale mondiale. Pensate veramente che tutto ciò sia possibile? Io penso di no, di conseguenza questo progetto è da bocciare perchè improponibile.

  • marcellodefilippis@gmail.com 18 novembre 2018

    tranquilli,Salvini non è fesso!

  • avv.ballicu@katamail.com 18 novembre 2018

    purtroppo c’ è già un trattato europeo che ci impedisce di fare i respingimenti in mare come invece fece a suo tempo maroni ministro dell’interno , quando capiranno che la ue sta pianificando scientificamente la rovina dell’italia e il genocidio del popolo italiano( bianco e cristiano) sarà troppo tardi

  • vig.fra@alice.it 18 novembre 2018

    condivido le ragioni della Meloni e non capisco perche’ l’Onu non si preoccupa dei disastri che ci sono nel mondo.

    • sergio la terza 20 novembre 2018

      L’ONU non è altro che la società delle nazioni sempre contro l’Italia.allora Mussolini seppe contrastare le voglie di questa nuova Onu gli attuali governanti sono solo dei cala braghe.

  • avvpaolopieraccini35@gmail.com 18 novembre 2018

    Condivido la posizione di diniego. Avanti tutta,Giorgia! Convinci Salvini al rifiuto.

  • Roccoangela60@yahoo.it 18 novembre 2018

    Auguriamoci che Salvini non sia così ingenuo da firmare un tale documento,il risultato per noi italiani sarebbe devastante.

  • 18 novembre 2018

    Speriamo che Salvini tenga gli occhi aperti e si adoperi nel non far firmare il Global Compact.
    L’ONU la deve smettere di fare da servitore dei grandi mondialisti,portati a distruggere il mondo per i loro sporchi interessi.
    Perché non si occupa invece dei tanti massacri che avvengono nei paesi arabi ed africani contro i cristiani?
    Perché non si occupa dei tanti dittatori che costringono il loro popolo a sofferenze atroci sia fisiche che psichiche?
    Ormai l’ONU,per come agisce,non ha più ragione di esistere.

  • mariella albertoni 18 novembre 2018

    Dove compare la parola “global”, c’è da star sicuri che il disastro avanza (leggasi globalizzazione che ha portato solo disastri meno a chi vuol far soldi a palate)

  • 3nzosk@gmail.com 18 novembre 2018

    Fino ad ora l’ONU si è dimostrata initile, ora diventa anche pericolosa.

  • 17 novembre 2018

    Totalmente ragione Ms. Meloni!!!