Palio di Siena, insorgono gli animalisti dopo la morte del cavallo Raol (video)

Alla fine Raol è stato abbattuto. Il cavallo della Giraffa che ha preso parte al Palio di Siena straordinario di sabato (vinto dalla Tartuca) è scivolato al secondo Casato e subito è stato soccorso dai veterinari. Ha riportato una lesione all’arto anteriore destro, ma una volta giunto in clinica si è deciso di abbatterlo. Una morte che ha suscitato polemiche tra gli animalisti, e non solo. Durissimo il commento di Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente e del Movimento Animalista: «Da ministro del Turismo mi sono battuta perché il Palio di Siena non fosse incluso tra le manifestazioni patrimonio dell’Unesco e ho fatto bene. Penso che l’Italia potrebbe farne a meno e che non ci sia nulla di nobile o di “culturale” nel maltrattare animali per il divertimento umano solo perché questa è la tradizione. Per i cavalli il Palio di Siena è e resta un inferno». Non da meno la posizione dell’Enpa, che ha già annunciato di presentare una denuncia: «La storia, con i frequenti e ripetuti incidenti di questi anni – commenta la presidente Carla Rocchi – ci dice che il Palio di Siena rappresenta una seria e concreta minaccia per l’incolumità degli animali». Interviene anche Rinaldo Sidoli, segretario di Alleanza Popolare Ecologista: «Bisogna dire basta allo svolgimento di manifestazioni che possono provocare danni e lesioni agli animali».