Santanchè: «Salvini parla di castrazione chimica ma nel suo decreto non c’è»

La senatrice di Fratelli d’Italia Daniela Santanchè accusa il ministro dell’Interno di incoerenza sul fronte della lotta ai reati più odiosi e ripugnanti: “Nel decreto sicurezza e immigrazione – scrive la parlamentare in una nota – è scomparsa la storica battaglia della Destra e della Lega sulla castrazione chimica per gli stupratori ed i pedofili recidivi. Per questo sono stata costretta ad introdurla con un emendamento. Dopo la presa di posizione del ministro Salvini mi aspetto a questo punto che la Lega appoggi l’emendamento di Fratelli d’Italia”.