La droga cade dal cielo: scoperto il trucco dei pusher di Taranto (video)

Dodici persone sono state arrestate a Taranto dalla Polizia nell’operazione antidroga ”Bazar” che ha sgominato un gruppo locale specializzato nello spaccio di cocaina, eroina, hashish e marijuana. Nel corso dell’esecuzione delle misure cautelari sono stati sequestrati 250 grammi di sostanza stupefacente e la somma di 5.000 euro, provento dell’illecita attività. L’indagine nasce dalle attività della Squadra mobile (sezione antidroga) che all’inizio dell’anno, in una perquisizione nella città vecchia, individuò una consistente attività di spaccio. I successivi accertamenti investigativi e tecnici, soprattutto grazie a telecamere installate sul posto, hanno dimostrato che alcuni vicoli della città vecchia erano stati trasformati in centrali dello spaccio, con un flusso costante di persone che qui si presentavano ad ogni ora del giorno e della notte per approvvigionarsi. La cessione veniva attuata attraverso le finestre di tre distinte abitazioni, tutte di pertinenza di alcuni indagati. In alcuni casi si calava il cestino da un balcone al primo piano.

I clienti venivano a Taranto da mezza Puglia

Centinaia di riprese video hanno consentito di cogliere gli attimi in cui avvenivano le rapide cessioni e di riprendere gli acquirenti mentre afferravano involucri in plastica lanciati dalle finestre o consegnati attraverso locali comunque protetti da inferriate e porte blindate. Gli involucri venivano poi nascosti nelle calze, in bocca o addirittura nel cappottino di un cane. Rilevata anche la presenza di ”vedette” per segnalare l’eventuale presenza di forze dell’ordine o per indirizzare gli acquirenti. Secondo le indagini, ogni giorno venivano spacciati 200 grammi di sostanze stupefacenti ad acquirenti provenienti non solo da Taranto e provincia, anche dalle province di Potenza, Brindisi e Bari.