Il Codacons rischia di scomparire: pignorati beni per 300mila euro

Il Codacons rischia di chiudere i battenti e scomparire dal panorama dell’associazionismo italiano. Lo denuncia l’associazione, dopo il pignoramento di beni per 300.000 euro da parte dell’Agenzia delle entrate, con conseguente blocco delle risorse. In una lettera, rivolta al premier, Giuseppe Conte, ai vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, e al ministro dell’Economia, Giovanni Tria, l’associazione chiede un intervento per salvare il Codacons «dall’estinzione». Al centro della questione, spiega l’associazione, c’è il contributo unificato che

«il Codacons, in qualità di Onlus, non è tenuta a pagare sugli atti legali portati avanti a…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi