Merkel a Conte: la bozza sui migranti sarà accantonata. Finalmente l’Italia è rispettata

“Ho appena ricevuto una telefonata dalla cancelliera Angela Merkel, preoccupata della possibilità che io potessi non partecipare al prevertice di domenica a Bruxelles sul tema immigrazione”. Lo scrive il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, su Facebook, a proposito del vertice vertice informale di domenica a Bruxelles fra i capi di governo di Spagna, Germania, Austria, Italia, Francia, Grecia e Bulgaria per discutere il futuro delle politiche dell’Ue in materia di immigrazione. “Le ho confermato che per me sarebbe stato inaccettabile partecipare a questo vertice con un testo già preconfezionato”, aggiunge il premier.

“La Cancelliera ha chiarito – racconta Conte – che c’è stato un ‘misunderstanding’: la bozza di testo diffusa ieri verrà accantonata. Domenica al centro della discussione sull’immigrazione ci sarà la proposta italiana e se ne discuterà insieme alle proposte degli altri Paesi. L’incontro non si concluderà con un testo scritto, ma solo con un summary delle questioni affrontate e sulle quali continueremo a discutere al consiglio europeo della prossima settimana. Nessuno può pensare di prescindere dalle nostre posizioni. Ci vediamo domenica a Bruxelles!”.

Nelle ultime ore si era parlato di una bozza già scritta, ispirata da Francia e Germania,  che punterebbe gran parte del suo contenuto sui cosiddetti movimenti secondari, ovvero la possibilità di ricollocare i migranti richiedenti asilo – e la cui pratica non è stata espletata – nel primo Paese dove sono sbarcati. Una scelta che avrebbe messo l’Italia in difficoltà, di qui la contromossa del premier Conte che ha minacciato di non recarsi al prevertice.

“Finalmente vedo un’Italia rispettata in Europa e nel mondo. Continui così Presidente Giuseppe Conte!”, esulta su Facebook il vicepremier Luigi Di Maio commentando la telefonata chiarificatrice con la cancelliera Merkel.