Il giallo di Pasqua: giovane trovato morto in un dirupo di Positano

Dopo 24 ore di ricerche, il tragico epilogo: Nicola Marra, il 20enne napoletano scomparso a Positano dopo una notte in discoteca a base di alcol e forse altro, è stato trovato morto in un dirupo poco distante dal centro abitato, in un vallone. Dalle testimonianze raccolte, il 21enne aveva consumato varie bevande alcoliche e, uscito dal locale, si sarebbe allontanato a piedi. I militari stanno ora cercando di ricostruire, anche attraverso i filmati delle telecamere, il percorso fatto dal giovane. Pare che alcuni dei suoi amici, in via precauzionale, gli avrebbero sottratto il portafogli, il telefono cellulare e le chiavi dell’auto per impedirgli di continuare a bere ed anche di mettersi alla guida in stato di ebbrezza. Intorno alle 4 del mattino, il giovane avrebbe fatto perdere le sue tracce. Poi, il tragico epilogo. Stando a quanto si apprende il corpo del giovane sarebbe stato rinvenuto a circa una quarantina di metri dalla stradina pedonale dove sono ora in corso le operazioni di recupero della salma. Nicola Marra, 20 anni, studente,  era uscito la sera del 31 marzo con la sua auto per andare con due amiche in una discoteca di Positano, in località Spiaggia Grande. La mattina del giorno dopo, visto che non era rientrato e non riuscendo a contattarlo, il padre era andato a cercarlo.