Gasparri, senza la presenza incisiva di Forza Italia il centrodestra non vince

Mentre parte il secondo giro di consultazioni al Colle, tra chi evoca lo spettro del ritorno alle urne e chi chiude dispoticamente al dialogo con i vincitori, c’è anche chi, come il senatore Maurizio Gasparri, torna a ribadire la centralità di «una presenza forte e incisiva di Forza Italia e di altre realtà» senza le quali «difficilmente il centrodestra potrebbe prevalere, sia nelle elezioni amministrative imminenti che nelle prossime scadenze». Scadenze importanti e cartine di tornasole di una realtà politica come quella del centrodestra, sempre più coesa, laddove l’unitarietà rappresenta il cardine su cui costruire sinergie e alleanze.

Gasparri, la forza del centrodestra è l’unione,
la sua strategia vincente la condivisione

E allora, «su incarico del presidente Berlusconi ho avviato i contatti con le altre forze politiche del centrodestra in vista delle elezioni amministrative e regionali» ha fatto sapere poco fa il senatore azzurro, aggiungendo come «oltre alle intese già raggiunte, che ci vedono impegnati per la vittoria nel Molise e nel Friuli-Venezia Giulia, abbiamo già trovato accordi in numerose città chiamate al voto per le comunali del 10 giugno e torneremo ad incontrarci per trovare la massima coesione in tutte le altre città coinvolte in questa tornata elettorale». Un punto di forza e di partenza, quello ribadito in queste ore dal senatore di FI, Maurizio Gasparri, per convalidare il quale, aggiunge il senatore forzista, «alcune iniziative assunte a titolo individuale comporteranno la necessità di approfondimenti e di una ulteriore istruttoria per evitare divisioni che ostacolerebbero affermazioni che sono alla portata di un centrodestra unito. E troveremo certamente le soluzioni migliori e condivise». A tal fine, ribadisce Gasparri, «è essenziale un rilancio e un rafforzamento della presenza di Forza Italia. Oggi una formazione unitaria del centrodestra raccoglierebbe certamente meno voti di un presenza articolata e a più voci. Abbiamo constatato anche nelle recenti elezioni politiche il rafforzamento della Lega, e ciò ha contribuito a un risultato globale del centrodestra che ne fa la coalizione più forte».

Il ruolo cardine di Forza Italia

«Ma senza una presenza forte e incisiva di Forza Italia e di altre realtà – continua il senatore di FI – difficilmente il centrodestra potrebbe prevalere, sia nelle elezioni amministrative imminenti che nelle prossime scadenze. È pertanto necessario rafforzare l’organizzazione, l’identità, la presenza di Forza Italia. A questo dobbiamo lavorare in maniera unitaria e convinta – prosegue Gasparri – unendo tutte le energie e raccogliendo sia le istanze di rinnovamento che le presenze dotate di esperienza e di radicamento. Questo va fatto con Silvio Berlusconi, a maggior ragione in questo momento. Non esistono opa, né ostili né amichevoli, ma esiste soprattutto la necessità di presenze che possano garantire il raggiungimento della maggioranza dei consensi. E operazioni affrettate e confuse – conclude – ci farebbero andare indietro e non avanti»…