Di Maio sbaglia mossa, Librandi e la Boschi se la godono: noi al governo

Luigi Di Maio sta giocando col fuoco. E si sta bruciando, perdendo credibilità anche tra i suoi elettori. Ormai è chiaro, lancia patetici ultimatum per finire tra le braccia della Boschi e di Librandi. Alla disperata ricerca di una giustificazione per questo abbraccio (mortale) con il Pd, se la prende con Salvini, “reo” di non staccarsi da Berlusconi. Parla di forni, l’uno o l’altro per me pari sono, dice – da anima buona – di voler dare la possibilità ai democratici di riabilitarsi. La Boschi gongola, dopo gli attacchi su Banca Etruria si sente legittimata e di nuovo in pista. Librandi in tv sorride sornione e si avventura anche a imporre la linea al M5S: «Vengano sulle nostre proposte». Un’umiliazione, per Di Maio. Che tenta di tenere a freno la base – già infastidita dalla posizione ambigua sulla Siria- dispensando le colpe agli altri. Come detto, bersaglio numero uno è il centrodestra e, intervenendo a Otto e Mezzo su La7, ha nuovamente posto il veto su  Forza Italia: «Salvini si sta assumendo una responsabilità storica nel continuare a volersi legare a Berlusconi». Di Maio affonda e si espone a un giudizio ridicolo ch fa sobbalzare dalla Gruber anche il composto Massimo Franco. Afferma Di Maio: «Non ho mai voluto dividere il centrodestra, io non l’ho mai considerato tale. Nessun italiano ha votato per il centrodestra. La smettano di ostentare un’unione che non c’è». Un’offesa agli elettori, il 37% dei quali ha votato per i partiti di una coalizione che dopo il voto, si sono comunque presentati in modo unitario, gli fa notare l’editorialista del Corriere della Sera, sempre attento ai dettagli, non ultima la nota congiunta dopo il secondo giro di consultazioni. Qualcosa vuol dire.

Ma Di Maio in trance agonistica continua a giocare la carta logora dell’antiberlusconismo. «Lo show di Berlusconi al Quirinale dimostra quello che stiamo dicendo da quaranta giorni, ovvero che il centrodestra non esiste di per sé… Se Salvini continua a propinarlo, fa anche del male al Paese». Questo è sinceramente troppo e innervosisce la capogruppo di Forza Italia alla Camera Maria Stella Gelmini: «Luigi Di Maio se ne faccia una ragione una volta per tutte: il centrodestra unito è forte, è coeso, ha vinto le elezioni ed è una realtà che i sogni grillini non potranno mai cancellare. Il Movimento 5 Stelle, piuttosto, dopo il buon risultato ottenuto il 4 marzo sembra aver perso definitivamente la bussola. Fino a ieri bastava urlare e protestare, oggi prendersi serie responsabilità di fronte al Paese è cosa molto più complessa. Sono chiaramente in preda ad una crisi di nervi».

Naturalmente risponde Matteo Salvini, evidenziando l’irrazionalità del patto proposto da Di Maio. Allearsi con il Pd o con la Lega significa realizzare due cose ben distinte: «La Lega non è il Pd, mi sembra che ci siano idee confuse. Noi vogliamo un governo che rispetti il voto degli italiani, centrodestra e M5s. Se Di Maio preferisce il forno di Renzi si accomodi, temo che sia un pane muffo, però libero di fare quello che vuole».