Meloni, appello agli alleati: facciamo tutti un passo indietro per ritrovare l’unità

venerdì 23 marzo 20:06 - di Redazione

“Rivolgo l’ultimo appello alle forze politiche del centrodestra perché questo delicato passaggio sulle presidenze delle Camere non si risolva in un ‘liberi tutti’, soprattutto per rispetto dei milioni di elettori che ci hanno votato credendo nella nostra capacità di dare all’Italia un governo concreto e coeso. Facciamo tutti un passo indietro perché se ne possa fare insieme uno in avanti”. È quanto dichiara in una nota il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Ricordo che tutti insieme -aggiunge- abbiamo dato la disponibilità a votare un nome di Forza Italia per la presidenza di una delle due Camere, segnatamente il Senato, per favorire la maggiore coesione possibile anche in vista del percorso verso la costituzione del futuro governo”.

“Questo lavoro lungo e prezioso -prosegue Meloni – non può essere interrotto da divergenze sui metodi o sui nomi. Disponibile a un nuovo incontro di vertice tra i partiti del centrodestra nella speranza che ci sia ancora un margine per ricomporre la coalizione. Se questo non dovesse accadere Fratelli d’Italia riunirà i suoi organi e prenderà le sue decisioni”.

Questo il monito di Giorgia Meloni agli alleati Forza Italia e Lega per ritrovare in extremis, al termine di una giornata convulsa e pesantissima, una coralità nelle decisioni del centrodestra premiato il 4 marzo nelle urne perché si è presentato compatto e unito.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ernesto1951@libero.it 24 marzo 2018

    Da elettore di FDI, il mio consiglio per Giorgia Meloni è di sostenere la mossa di Salvini, che non ha proposto un candidato della Lega bensì uno di Forza Italia – semplicemente, non un impresentabile come Romano. La rottura la vuole Berlusconi perché non tollera che qualcuno si ribelli alla sua arroganza, al suo delirio di onnipotenza, per cui era pronto anche a mettere come seconda carica dello stato un pregiudicato per peculato. Perché Berlusconi deve rompere? Perché non si può votare, per esempio, la Casellati, ottima giurista, sempre di Forza Italia? Se FDI sceglierà di schierarsi con Berlusconi, commetterà un errore irreparabile.

  • roby.friso@gmail.com 23 marzo 2018

    Meloni in cerca di poltrona, altro che di unità.
    Ma la signora tuttora in caduta libera come Pd e Fi, non aveva già fatto parte dei governi che hanno contribuito a devastare l’Italia? O mi sbaglio!

    • giubra63@yahoo.it 24 marzo 2018

      gratti il grillino, scopri il piddino!!!!
      Brava Giorgia Meloni, i grillini degnieredi del PCI PDS DS PD

  • an.marconcini@gmail.it 23 marzo 2018

    L’ onorevole Giorgia Meloni è a questo punto l’unico leader con a cuore le sorti del Centro Destra ed è anche forse l’unico ad averci creduto .I capricci del Cav sono incomprensibili ,non si può ottenere sempre tutto nella vita , capisco che sia abituato ad essere al centro e ad avere sempre l ‘ ultima parola però le cose possono cambiare prima o poi ed è necessario ridimensionarsi e in fretta per il bene comune.Il segretario leghista invece farebbe meglio a coinvolgere maggiormente gli alleati perché senza il contributo di FI e FDI rimane con il suo 18% numero lusinghiero ma non sufficiente per governare.Ma chi l’avrebbe mai detto che i veri moderati ,i veri responsabili ,quelli accusati ingiustamente di andare a braccetto con i neofascisti,di fomentare l’odio e il razzismo ai quali si vietavano i comizi e le piazze fossero in realtà gli unici a dare prova di lealtà , fedeltà e responsabilità?