Il Vaticano “scomunica” gli evasori: «Le tasse sono un dovere religioso»

venerdì 16 marzo 17:30 - di Redazione

Pagare le tasse non è solo un dovere civile, è anche un «dovere morale e religioso». L’ammonizione è arrivata dal predicatore della Casa Pontificia, padre Raniero Cantalamessa, in occasione della quarta predica di Quaresima.

«Lo Stato è una comunità di persone»

«Pagare le tasse, e in genere compiere il proprio dovere verso la società, non è solo un dovere civile, ma anche un dovere morale e religioso. È un’esigenza del precetto dell’amore del prossimo: “lo Stato non è una entità astratta; è la comunità di persone che lo compongono”», ha osservato il predicatore come riferisce Vatican News. «Se io non pago le tasse, se deturpo l’ambiente, se trasgredisco le regole del traffico – ha aggiunto padre Cantalamessa – danneggio e mostro di disprezzare il prossimo».

Non solo tasse: il richiamo all’obbedienza

Il religioso ha avvertito però che «il discorso non si può limitare al solo aspetto dell’obbedienza allo Stato». «Si deve andare alla scoperta dell’obbedienza essenziale. C’è infatti un’obbedienza che riguarda tutti, superiori e sudditi, religiosi e laici, che è la più importante di tutte, che regge e vivifica tutte le altre, e questa obbedienza – ha sottolineato il predicatore della Casa Pontificia – non è l’obbedienza dell’uomo all’uomo, ma l’obbedienza dell’uomo a Dio». «Obbedire solo quando ciò che il superiore dice corrisponde esattamente alle nostre idee e alle nostre scelte, non è obbedire a Dio, ma a se stessi; non è fare la volontà di Dio, ma – ha concluso padre Cantalamessa – la propria volontà».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Franco Luzio 17 marzo 2018

    Concordo con tutti i commentatori e sopratutto con Roberto e G.G. Barbanti

  • PAMPAS 17 marzo 2018

    Proprio oggi questo qua’ a parlare – “che le tasse tutti devono pagare” .
    Se aggiungeva clandestini – ciaooo soldini .
    Parlare parlare – solo io lo posso fare .
    Gia’ la sedia e’ a traballare .
    Via via in esilio deve andare – nella pampas a mendicare .
    Ma al suo posto chi mettiamo ? – “un mussulmano”
    AMEN .

  • 17 marzo 2018

    E poi la chiesa….(senza C maiuscola) si chiede perchè di anno in anno diminuiscono i fedeli?

  • Rosa de nittis 17 marzo 2018

    Il vaticano dovrebbe scomunicare i banchieri in quanto usurai e secondo il vangelo l’ usura e’ peccato mortale.Non lo fa perche’ riceve dalle fondazioni bancarie ancora le indulgenze per perdonare i servi di satana il peccato di usura.Fate schifo da quale pulpito scomunicate chi evade le tasse banda di f****

  • Massimiliano di Saint Just 16 marzo 2018

    Affamare la bestia per evitare corruzione, sprechi e mafie; possibile che non si accorga che i lavori pubblici costano il doppio o il triplo che altrove? Uno stato minimo e poche tasse , pagate da tutti in proporzione non questo latrocinio della progressività, perchè lo stato tutela in modo uguale la salute, la sicurezza e la vita di tuttui!

  • 16 marzo 2018

    Concordo con lei Mr. Barbanti…

  • roberto 16 marzo 2018

    ecco bravo predicatore, paga le tasse e non fare il pedofilo

  • GIAN GUIDO BARBANTI 16 marzo 2018

    PARLANO PROPRIO LORO CHE NON PAGANO NULLA E SONO I PIU’ RICCHI DEL PIANETA