Esce “La Santa Difesa”, videogame di Hezbollah contro i terroristi Isis

“La Santa Difesa”: è questo il titolo scelto per un nuovo videogame messo in circolazione dagli Hezbollah libanesi che coinvolgono così i giocatori nella guerra agli estremisti Isis in Siria. “La Santa Difesa è la storia del confronto all’aggressione dei takfiri. È la marcia di redenzione contro i takfiri, che volevano distruggere i luoghi sacri e la madrepatria”, recita un volantino distribuito dal gruppo durante l’evento di presentazione del videogame organizzato nella periferia sud di Beirut, roccaforte del movimento. “Questo gioco è un tributo alle anime dei martiri e delle loro famiglie e ai loro sacrifici”, aggiunge il testo, come riporta l’agenzia di stampa Dpa. Hezbollah, storicamente sostenuto dall’Iran, ha inviato i suoi miliziani in Siria a combattere al fianco delle forze del leader siriano Bashar al-Assad sin dall’inizio del conflitto nel 2011. Il movimento dichiara di essere coinvolto nella guerra in Siria per proteggere i luoghi di culto sciiti. L’eroe del videogioco, Ahmed, sta visitando la moschea sciita di Sayeda Zeinab, alla periferia di Damasco, quando finisce improvvisamente sotto attacco. Una serie di battaglie in Siria, ma anche scontri con i jihadisti dell’Isis nel nordovest del Libano, tengono impegnati i giocatori. “La Santa Difesa” non è il primo videogioco di Hezbollah. “Forza speciale” venne messo in circolazione nel 2003 e poi uscì “Forza Speciale 2” dedicato ai 33 giorni dell’estate 2006 di guerra contro Israele nel sud del Libano.