Carlo Calenda avverte il Pd: «Se vi alleate con il M5S strappo la tessera»

«Se il Pd si allea con il M5S il mio sarà il tesseramento più breve della storia dei partiti politici». Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda in un post pubblicato su Twitter mette subito in chiaro che non accetterà accordi con i grillini. Ieri aveva annunciato di volersi iscrivere alla formazione di centrosinistra – convinto che «non bisogna fare un altro partito, ma lavorare per risollevare quello che c’è» – oggi però già minaccia di togliere le tende. In un altro post ha spiegato: «Si può ripartire solo se lo si fa insieme. Ultima cosa di cui abbiamo bisogno è arrocco da un lato e desiderio di resa dei conti dall’altro. Ridefinire il nostro messaggio al paese, riaprire iscrizioni e tenersi lontano da M5S».

Calenda: «Il leader c’è e fa il presidente del Consiglio»

A chi è preoccupato per le divisioni e le polemiche nel Partito democratico, invece, ha risposto: «Il leader c’è e fa il Presidente del Consiglio». Secondo il ministro serve «una presa di coscienza sul futuro del Pd non resa dei conti su passato». «Ho sempre parlato chiaro con Renzi – twitta Calenda – ma mi rifiuto di partecipare ora alla rimozione collettiva di un percorso che ha avuto anche tantissimi elementi positivi. Se cercano anti-Renzi non sono io».