Ubriaco e drogato aggredisce i carabinieri e afferra il maresciallo per il collo

Ubriaco e drogato. Scatena il caos. La vicenda parte da una telefonata giunta ai carabinieri di Polcenigo. I vicini di casa di un giovane ventottenne di Budoia, nullafacente e pregiudicato, hanno chiamato allarmati le forze dell’ordine. Sentivano urlare dall’appartamento di via Stradon e temevano fosse accaduta una disgrazia. I carabinieri si sono immediatamente precipitati sul posto.

Ubriaco e drogato, le fasi
dell’aggressione  e dell’arresto

Non appena ha visto i militari, il giovane è uscito dall’appartamento al primo piano (dove si trovavano anche il fratello e la fidanzata) ubriaco e drogato. Non c’erano dubbi era in evidente stato di alterazione provocato da sostanze stupefacenti. A quel punto i carabinieri hanno deciso di perquisire l’abitazione. Ma per impedire l’accesso alla sua camera da letto, il giovane ha afferrato al collo il maresciallo e lo ha percosso ripetutamente. I carabineri sono intervenuti e hanno subito messo le manette ai polsi del ventottenne. Nell’appartamento è stata trovata una piccola serra con quattro piante di marijuana in fase di essicazione dotata di tutto l’occorrente per la coltivazione (luci, sistema di areazione, concime e semi di marijuana). Sono stati inoltre scoperti tre barattoli in vetro con marijuana già confezionata e pronta per lo spaccio. Il giovane dovrà rispondere di resistenza, violenza a pubblico ufficiale, detenzione e coltivazione di sostanze stupefacenti. Il pm ha disposto la sua detenzione agli arresti domiciliari nello stesso domicilio.