Rissa con coltello al centro per migranti. Stavolta succede a Firenze

Ennesima rissa all’interno di un centro d’accoglienza per migranti, dove un nigeriano di 23 anni ha minacciato gli altri ospiti con un coltello. La tensione è rientrata con l’arrivo dei carabinieri.

Il nigeriano nascondeva tre coltelli in valigia

L’episodio si è verificato nella notte tra giovedì e venerdì, a Montaione, in provincia di Firenze, nel centro per richiedenti asilo di via Marconi. Il 23enne, che oltre a minacciare gli altri ospiti ha anche danneggiato alcuni arredi, bloccato e perquisito dai militari, è stato trovato in possesso di tre coltelli da cucina, nascosti all’interno della sua valigia. Il nigeriano è stato denunciato per porto abusivo d’armi.

Un fenomeno diffuso nei centri per migranti

Le risse all’interno dei centri d’accoglienza non sono un fenomeno raro e, anzi, numerosi casi arrivano all’attenzione della cronaca. Solo in questo mese di febbraio sono stati registrati diversi episodi in tutta Italia, che in una carrellata non esaustiva vanno da Vallelonga, in Calabria, dove le violenze sono scoppiate in un centro per minori, a Cassino, dove un somalo è stato accoltellato da un nigeriano; da La Spezia, dove la tensione è esplosa per avere i soldi della diaria distribuiti dal centro, al caso più grave di Cagliari, dove un ragazzo di 19 ani del Ghana è stato accoltellato a morte da un nigeriano.