Italia in ostaggio, bus gratis agli immigrati per evitare reazioni violente…

sabato 3 febbraio 18:47 - di Redazione

«Immigrati gratis a bordo dei mezzi pubblici, mentre i poliziotti pagano. È la situazione allucinante che sembra accadere ad Agrigento. A quanto pare l’azienda comunale che gestisce il tpl agrigentino, la Tua, ha dato precise indicazioni agli autisti di non far pagare il biglietto agli immigrati per evitare disordini sugli stessi mezzi pubblici»: la denuncia arriva dal segretario della Lega per la Sicilia occidentale Alessandro Pagano, secondo cui, allo stesso tempo, “le donne e gli uomini in divisa, e nello specifico i poliziotti di quartiere, preposti a garantire appunto la sicurezza, devono pagare il ticket. E come loro, giustamente, anche tutti gli altri cittadini, anche tutti quegli agrigentini che vivono in grosse difficoltà economiche”.

«Sarebbe tutto corretto se non fosse che ad essere discriminati, in questo caso, sonoproprio gli italiani. Il sindaco e il questore sono a conoscenza di questa situazione? Se è vera la notizia, cosa hanno da dire in merito a queste disposizioni? Con la Lega e Salvini, prima gli italiani e sempre dalla parte delle forze dell’ordine» . La consigliera Anna Scaingula, di Noi della Lega-Salvini Premier, denuncia fortemente l’accaduto e chiede delucidazioni in merito alla stessa azienda. «Crediamo che questa scelta aziendale possa causare sì disordini sociali perché incita il cittadino poco abbiente ma eticamente corretto che paga, magari quotidianamente, il biglietto per esigenze lavorative o di salute a ribellarsi difronte a questa ingiustizia discriminatoria nei confronti degli italiani e degli agrigentini con l’aggravante dell’atteggiamento posto in essere nei confronti di agenti della Polizia di Stato in regolare servizio per assicurare la loro stessa sicurezza. La Lega sarà sempre dalla parte degli italiani e delle forze dell’ordine!», conclude Anna Sciangula, candidata alla Camera dei Deputati per la stessa Lega-Salvini Premier nel collegio plurinominale Sicilia 1.03 di Agrigento-Caltanissetta-Mazara del Vallo. La verità è che Agrigento da mesi scoppia di immigrati e ha raggiunto la quota prestabilita. «Non verranno più aperti centri d’accoglienza per immigrati», aveva spiegato qualche mese fa il prefetto Nicola Diomede. Da allora l’emergenza non è mai stata risolta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Marco 8 febbraio 2018

    Democrazia?il biglietto del treno e dell’autobus o metropolitana non lo dobbiamo più pagare nemmeno noi italiani : la legge è uguale per tutti?

  • Alberto 6 febbraio 2018

    Ecco! votate quelli di sinistra e i loro reggicoda 5 stelle.

    • bartorto 9 maggio 2018

      Vota la lega, e voterai berlusconi

  • Maria 6 febbraio 2018

    è un momento particolare della nostra storia il caos del nord Africa ha creato il caos in Europa e sopratutto in Italia …..Ci vuole buon senso e molta determinazione da parte dei politici di turno rispetto ai dettami europei

  • Remo 4 febbraio 2018

    In Emilia son più furbi: ci pensa il comune a dare l’Abbonamento gratis ai migranti così nessuno può obiettare. In pratica il genitore operaio monoreddito che manda il figlio (vera risolta per domani dell’Italia) a studiare deve pagare 400-500 euro per l’abbonamento, un ventenne analfabeta che – quando va bene – vende calzino o chiede l’elemosina nei parcheggi – quando va male spacciano se non fanno di peggio – viaggiano gratis sui mezzi, manco avessero da andare a lavorare.

  • Alberto 4 febbraio 2018

    Se nn pagano,allora vanno a piedi!!!!

  • sergio 3 febbraio 2018

    il punto è che non si dovrebbero far entrare i clandestini. Una volta entrati in Italia è inutile pretendere che paghino il biglietto dell’autobus. Si presume che non lavorando, non abbiano reddito e quindi non sono oggettivamente in grado di pagare il biglietto. Naturalmente per tutti gli altri immigrati regolari è giusto e doveroso che paghino il biglietto, sempre che si riesca a riconoscere i regolari dai clandestini.

  • luciano 3 febbraio 2018

    l’ultima trovata di questi idioti sfascisti, verrà anche il 4 marzo e tutti alla sbarra

  • Mokida Bolshitkov 3 febbraio 2018

    Terrible error, these individual will be at the expense of the Italian Gobernment forever…it would have been easier to assign police officers on the bus. It has worked in the US.

  • Paolo D'amicodatri 3 febbraio 2018

    mi domando dove sono i diritti e dove sono i doveri e poi ci lamentiamo che accade cio’ che e’ successo a Macerata . Italiani pagano ticket x farmaci , ticket x bus , ticket x treni e tasse , mentre ai migranti tutto e’ dovuto gratis , grazie PDidioti siamo diventati il paese di pulcinella .