Il “beau geste” del Cav nella Dynasty di Arcore: «Da Veronica non voglio soldi» (video)

giovedì 22 febbraio 13:25 - DI Gigliola Bardi

«Noi saremmo lieti di chiudere tutte le nostre vicende senza avere neppure più un euro dalla signora Veronica, quindi non facendo valere l’obbligo stabilito dal Tribunale di versare a noi 46 milioni». A dirlo è stato Silvio Berlusconi, ospite di Circo massimo su Radio Capital. Il leader di Forza Italia ha dunque confermato quanto aveva detto la sera prima a Otto e mezzo, quando però aveva ottenuto come replica da parte dell’ex moglie una smentita a mezzo agenzia di stampa. «Le ho detto che non mi doveva niente, mentre la signora su consiglio del suo terribile avvocato ha voluto fare ricorso», ha spiegato un Berlusconi visibilmente irritato per la domanda. «Ma cosa vuole che interessi questa cosa alle persone», aveva risposto in prima battuta a Lilli Gruber. Poi, incalzato, ha parlato del suo «beau geste», come lo ha definito la giornalista.

La smentita di Veronica

Di lì a poco è arrivata la puntualizzazione di Veronica Lario. «Non è vero che il mio ex marito, Silvio Berlusconi, mi ha detto di essere disponibile a rinunciare alla restituzione degli assegni che mi ha versato nel corso del divorzio. Non ho mai ricevuto questa offerta», ha detto l’ex first lady all’Ansa, spiegando di aver accolto con «stupore» le parole del Cav. «Ho dovuto presentare ricorso in Cassazione perché il dottor Berlusconi, il giorno dopo il deposito della sentenza di appello (con cui è stato revocato l’assegno di mantenimento, ndr) mi ha notificato il provvedimento dei giudici facendo partire i termini».

Berlusconi: «Lo ripeto pubblicamente, non voglio soldi»

La parola, quindi, è tornata a Berlusconi, il quale ha ribadito l’offerta, quasi come una sfida. «Sono qui, lo ripeto pubblicamente, vediamo cosa risponde», ha detto il leader di Forza Italia a Circo massimo, aggiungendo che l’ex moglie «ha mentito o il suo avvocato non le ha riferito quello che i miei avvocati hanno detto a lui».

Video

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *