Violenze al centro di accoglienza: lite fra immigrati finisce a coltellate

Un’altra rissa a un centro di accoglienza per immigrati sfocia nel sangue. Un 23enne cittadino del Gambia, domiciliato in un centro di accoglienza ad Arienzo, in provincia di Caserta, è stato arrestato dai carabinieri perché ritenuto responsabile dell’accoltellamento di un altro straniero ospite della stessa struttura. I militari della stazione di Arienzo sono intervenuti dopo la  segnalazione del ferimento dell’uomo. Immediatamente è la scattata la ricerca del giovane che è stato rintracciato e riconosciuto quale autore dell’accoltellamento. La vittima ha riportato una ferita lacero contusa all’avambraccio destro e al secondo dito della mano sinistra ed è stata medicata dai sanitari dell’ospedale di San Felice a Cancello. Il 23enne arrestato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza dell’Arma in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

Centro di accoglienza, rissa a Lampedusa

Le risse fra migranti nei centri di accoglienza sono molto frequenti. L’ultimo caso risale a qualche giorno fa all’hotspot di Lampedusa. Due giovani tunisini, ospiti da tempo del centro d’accoglienza, hanno iniziato a litigare, quando uno dei due ha ferito l’altro al viso. A quel punto, come hanno poi raccontano alcuni testimoni, sono intervenuti altri amici dei due tunisini che hanno iniziato una sorta di sassaiola. Nella rissa un carabiniere è rimasto ferito a uno zigomo. L’aggressore è stato fermato.