Islamico si ferma a pregare in autostrada, si rischia la tragedia (video)

lunedì 22 gennaio 15:30 - di Redazione

Chi passa e lo vede a terra, accanto alla macchina, pensa a un malore, poi forse capisce e si arrabbia. Di sicuro quella posizione da preghiera, in carreggiata, senza nessuna preoccupazione per la sicurezza stradale, lascia esterrefatto chiunque passi sullo svincolo di Gazzada in direzione di Varese, dove la piccola Opel Agila grigia si ferma senza preoccuparsi del pericolo di essere investito o di creare incidenti a catema. Una tragedia evitata, a giudicare dalle immagini, che mostrano l’assoluta serentà e inconsapevolezza dell’islamico, che non sembra rendersi conto del pericolo incombente,per sè e per gli altri, derivante da quella necessità di pregare a una determinata ora.

Video

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • evelina Iacattuni..* 24 gennaio 2018

    Le régole di convivenza in terra Italiana, non sono date specificando quello che non possono, che non devono fare. Sono in terra straniera, ed’é lo stato che li riceve, che deve metterli al corrente…e qui, in caso che non si attengano con rispetto alla nostra Costituzione, forma di vita, ecc. ecc….. se lo rimpatrierá….Credo giusto, cosí……………………..***

  • Lorenza ceccaroni 23 gennaio 2018

    Un grande esempio della intransigenza musulmana . Diamo loro la cittadinanza è un giorno ci governeranno…… con la stessa ignorante intransigenza……
    Poi mi viene da dire: avesse causato un incidente a terzi? Di chi era la colpa? Sicuramente dei terzi……
    Hitler non sbagliava proprio tutto tutto….. molte cose si, ma non proprio tutt’e..

  • stefano fasolo 23 gennaio 2018

    mandarli tutti nel deserto bisogna no in italia

  • Sergiuslictor 23 gennaio 2018

    I Tir sono come le pattuglie della Stradale: quando servono non ci sono mai…..

  • un patriota 23 gennaio 2018

    Poteva passare quel Tir guidato dal Macedone che si era distratto ed ha distrutto un’intera famiglie francese, nel successivo incendio!

  • Mauro 23 gennaio 2018

    Rimandatelo al suo paese.

  • Umberto Isolica 23 gennaio 2018

    Peccato non sia passato un tir. ……