Gene Gnocchi, quando l’antifascismo si fa rifugio per comici falliti (video)

Una volta era il giovedì il giorno dedicato agli gnocchi, quelli saporiti. Ora, invece, ci toccano – avariati – il martedì, anzi di Martedì, e a propinarceli non è più la brava e solerte massaia ma un impettito Giovanni Floris, ridotto ormai a spalla ridanciana di uno Gnocchi, che di nome fa Gene e che di mestiere sarebbe anche un comico se solo riuscisse a far ridere qualcuno con le sue battute da universitario fuori corso salito per caso su un autobus di liceali in gita. In verità, prima ancora di essere un apprendista comico, Gnocchi è un temerario che si è messo in testa di non far rimpiangere agli aficionados di Floris l’addio alla trasmissione di Maurizio Crozza, umorista cattivo quanto si vuole ma pur sempre capace di strappare grasse risate anche a chi non gli perdona la smaccata faziosità politica. Purtroppo per lui,  la mission si è rivelata impossible: di Crozza Gnocchi è diventato solo la patetica parodia, un po’ come l’Esorciccio con l’Esorcista. Ma poiché non è stupido del tutto, di puntata in puntata, si è accorto anche lui di quanto fosse ardua la salita ed è corso ai ripari iscrivendosi alla gara a chi la spara più grossa. Gara che i politici hanno mutuato proprio dai comici e che ora Gnocchi vuole meritoriamente ricondurre in esclusiva alla categoria cui – chissà perché – è convinto di appartenere. E proprio come quei politici che pretende inutilmente di sbertucciare ogni martedì, ha realizzato che l’unico modo per uscire dall’ombra proiettata dalla sagoma di Crozza sulle sue pietose performance consistesse nel far la pipì fuori dal vaso per poi vedere di nascosto l’effetto che fa. Detto fatto: infastidito da un video con protagonista un maiale che scorrazza nelle strade della capitale postato da Giorgia Meloni a maggior gloria di Virginia Raggi e della sua giunta di incapaci, ha pensato di trasformare il maiale in «maiala» (femministe, dove siete?) per farne l’epiteto con cui oltraggiare addirittura Claretta Petacci, l’amante del Duce, con lui uccisa e messa a testa in giù nella “macelleria messicana” di Piazzale Loreto. Genio più che Gene perché ha capito che nell’Italia dei Fiano e delle Boldrini non esiste rifugio più comodo dell’antifascismo. Soprattutto quando, come nel suo caso, l’antifascista è solo un comico fallito.