Fratelli d’Italia: la giunta Raggi è in tilt. Si rischia il blocco del trasporto pubblico

giovedì 11 gennaio 12:15 - DI Redazione
atac privatizzazione

La giunta Raggi è in balìa delle onde: l’incompetenza degli assessori rischia di portare la Capitale allo sbando. In cima alla lista delle emergenze il disastro del trasporto pubblico amplificato dalle stesse ammissioni dell’assessore alla Mobilità, Linda Meleo, a proposito della proroga al 2021 dell’affidamento all’Atac (in stato fallimentare) del servizio pubblico, «se dovesse fallire la proroga che supporta il piano industriale – ha detto – il blocco del servizio sarebbe molto concreto».

Fratelli d’Italia: grillini nel caos

Parole da brividi, hanno commentato in una nota congiunta Fabrizio Ghera e Andrea De Priamo, capogruppo e consigliere comunale di Fratelli d’Italia. «I grillini sono nel caos più totale, sulla Capitale pesa l’ombra dell’emergenza rifiuti e del fallimento di Atac, cartine tornasole del disastro amministrativo targato Raggi». Nel mirino le parole dell’assessore Meleo e dell’ex assessore alle Partecipate che ha dichiarato alla stampa di «aver detto al sindaco che l’azienda per salvarsi non poteva restare al 100% in mano al Campidoglio» e che una «direttiva del Movimento ha impedito questa ipotesi». A Palazzo Senatorio – denuncia Fratelli d’Italia – sono in stato confusionale, tant’è che, secondo indiscrezioni giornalistiche, gli assessori capitolini avrebbero disertato il vertice segreto alla presenza della Raggi, De Vito e del presidente dell’Authority dopo la mazzata dei dati sui servizi erogati dal Comune, bocciati dai romani. «I Cinquestelle continuano a dimostrare l’assoluta incapacità nel fronteggiare i temi caldi così come l’ordinaria gestione del territorio. Pensiamo al povero Spelacchio: il primo cittadino voleva metterlo sotto teca come esempio concreto di riuso creativo, invece è finito sotto inchiesta dell’Anac perché pagato addirittura come due abeti del 2015 e assegnato mediante trattativa diretta. La città affonda, il sindaco e la giunta sono ormai in tilt e il fallimentare laboratorio 5 Stelle è in caduta libera».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *