Trump: «Ho licenziato Flynn perché ha mentito, ma le sue azioni erano legali»

«Ho dovuto licenziare il generale Flynn perché aveva mentito al vice presidente Pence ed all’Fbi, e lui si è dichiarato colpevole per quelle bugie». Donald Trump fornisce su Twitter la sua ricostruzione dei fatti che hanno portato  all’incriminazione, per aver fornito falsa testimonianza, del suo ex consigliere per la Sicurezza, affermando però che il generale non ha fatto nulla di illegale durante i mesi della transizione, cioè dalla  vittoria elettorale di novembre e l’insediamento di gennaio. Per Trump, infatti, «è un peccato» che Flynn abbia mentito «perché le sue azioni durante la transizione erano legali, non c’era nulla da nascondere».