È di nuovo paura meningite: 2 casi a Lucca, uno dei quali grave

È di nuovo paura meningite: un allarme che si rinfocola ad ogni recrudescenza del virus, a ogni contagio seguito da ricovero in terapia intensiva. Stavolta i due nuovi casi riguardano la città di Lucca, dove in particolare uno dei due, quello di una donna di 56 anni, residente nel comune di Capannori (Lucca), è ricoverata all’ospedale San Luca con diagnosi di meningite di tipo C.

È di nuovo paura meningite: 2 casi a Lucca

La degente, attualmente in terapia intensiva con prognosi riservata, è in condizioni gravi, ma stabili. Ne dà notizia, in una nota, l’Azienda Usl Toscana Nord Ovest. Il servizio di igiene e sanità pubblica dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest, precisa la nota, ha già eseguito tutti i controlli e i necessari interventi di profilassi sui familiari e sui contatti stretti della donna. Diverso ceppo di contagio, invece, quello che interessa un 34enne della Valle del Serchio, ricoverato anche lui in terapia intensiva all’ospedale di Lucca dove – in seguito agli esami di laboratorio – è risultato affetto da meningite da pneumococco. Anche la sua prognosi resta al momento riservata, ma il quadro clinico – trapela da fonti ospedaliere – nel suo caso sembra in progressivo miglioramento. La meningite da pneumococco, spiega l’Asl, a differenza di altri tipi di meningite, non dà origine a focolai epidemici e per questo motivo non è richiesta in questo caso la profilassi per i contatti stretti.