Tragedia a Taranto: carabiniere uccide sorella, cognato e padre e si spara

Strage familiare a Sava, nel Tarantino. Un carabiniere ha ucciso la sorella, il cognato e il padre e poi ha rivolto l’arma contro se stesso. Ora sarebbe in fin di vita. Non si conoscono ancora le cause di questo dramma scatenato forse da una lite in famiglia, lite che poi è degenerata. Il carabiniere, 53 anni, in servizio al Radiomobile di Manduria, è in fin di vita. La tragedia si è consumata in una strada centrale del paese, via Giulio Cesare, nei pressi del Comune, in tarda mattinata. Sul dramma indagano proprio i carabinieri e nel luogo del delitto è arrivato anche il comandante del Nucleo operativo, Giovanni Tamborrino. Il carabiniere si è sparato alla gola dopo aver usato la pistola contro i suoi familiari.