Dopo anni di crisi gli italiani tornano timidamente a viaggiare

Dopo anni di crisi gli italiani tornano a viaggiare, facendo registrare, per il 2016, un +16% del turismo ”interno” e un +2,9% di quello all’estero. Ad aumentare sono sia le vacanze lunghe che quelle brevi, anche se diminuiscono gli spostamenti per motivi di lavoro, in calo del 2% rispetto all’anno precedente. Il dato emerge da uno studio elaborato dal Centro Studi Turistici di Firenze. Per quanto riguarda le mete preferite dagli italiani, al primo posto troviamo le regioni del nord-est, scelte dal 31% dei viaggiatori. A seguire le regioni del centro con il 24% e quelle del sud e isole con il 23%. Ultime le regioni del nord-ovest, scelte dal 22% degli italiani. Per quanto riguarda i mezzi utilizzati per gli spostamenti, al primo posto troviamo l’auto (64,2%), seguita dall’aereo (16,1%) e dal treno (10,3%). Il centro Italia è invece la parte della penisola dalla quale viene registrato il maggior numero di partenze (21,5%), mentre tra le regioni del centro, preferite dagli italiani, al primo posto troviamo la Toscana, con 5040 viaggi (4652 per vacanza), seguita dal Lazio con 4658 viaggi. Sempre per quanto riguarda i dati regionali, è interessante analizzare anche gli spostamenti dei turisti stranieri. L’81,2% di loro sceglie la nostra regione per motivi culturali, l’8,8% per regalarsi una vacanza al mare, mentre il 3,9% per motivi naturalistici. Per quanto riguarda il mezzo scelto, invece, il 52% preferisce spostarsi in aereo, mentre il 43% sceglie di viaggiare su strade e autostrade. Anche per raggiungere la Toscana gli stranierei preferiscono l’aereo (65%), seguito dal trasporto su strada (30,9%), da quello su rotaia (2,1%) e da quello via mare (1,3%). L’analisi del Cst Firenze si è concentrata anche sulle strutture ricettive, scelte dai turisti stranieri, quando viaggiano in Toscana. Gli alberghi occupano il primo posto con il 57,8% di preferenze. Il 20,6% sceglie, invece, di passare le proprie vacanze in case di proprietà o in affitto, mentre il 7,5% pernotta in un Bed and Breakfast. Gli agriturismi sono invece scelti dal 4,2% degli stranieri, mentre il restante 4,3% sceglie la tenda, il camper o la roulotte.

(Foto Istituto Graziella Fumagalli)