Per punire la cuginetta si siede sopra di lei. Ma pesa 150 chili e la uccide

Una punizione crudele che si è trasformata in tragedia. Voleva punire la cugina di 9 anni, Dericka Lindsay, per la sua cattiva condotta. E, invece di sgridarla, ha deciso di sedersi sopra di lei per dodici minuti. Una mossa fatale. La piccola è rimasta schiacciata dai 150 chili della donna ed è morta. Lo riporta The Pensacola News Journal. È successo a Pensacola (Contea di Escambia), in Florida, negli Stati Uniti.

Pesa 150 chili, accusata di omicidio

Veronica Green Posey, 64 anni, è stata arrestata con l’accusa di omicidio, aggravato dalla crudeltà. Ed è poi stata rilasciata dopo aver pagato una cauzione di 125mila dollari. I genitori sono accusati di negligenza per non aver fermato la donna e sono in carcere. Erano stati proprio i genitori, Grace Joan Smith, 69, e James Edmund Smith, 62,  a chiamare la donna a casa loro, chiedendo aiuto per la gestione della figlia indisciplinata. La donna ha spiegato di avere deciso di sedersi sopra la bambina perché «non riusciva a calmarla in altri modi». Aveva provato a castigarla colpendola con righelli e tubi metallici, ma a quanto pare «non è stato sufficiente». Nei primi 10 minuti di punizione, la bambina avrebbe implorato pietà. Negli ultimi due ha smesso di parlare. I servizi sociali avevano già avuto a che fare con la famiglia della bimba.