Libia, l’Isis attacca le forze del generale Haftar: tre soldati uccisi

Un checkpoint militare nella Libia orientale è finito nel mirino di un attacco. I media locali spiegano che l’attacco è stato sferrato contro un posto di blocco a sud della città di Ajdabiya. Il bilancio non è ancora chiaro: fonti mediche citate dal portale di notizie libico Alwasat parlano di due soldati rimasti uccisi e quattro feriti, mentre il sito Libya Channel riferisce di tre morti e diversi feriti. Un comandante militare di Ajdabiya ha puntato il dito contro i jihadisti dell’Isis. Ajdabiya, città della Cirenaica, si trova in un’area sotto il controllo delle forze del generale Khalifa Haftar. Secondo fonti mediche e della sicurezza citate dall’agenzia di stampa Dpa, un soldato è stato decapitato, mentre il corpo di un altro militare è stato ritrovato carbonizzato. Il checkpoint era gestito da forze fedeli a Haftar, alla guida dell’autoproclamato Esercito nazionale libico e protagonista della battaglia contro le milizie islamiste a Bengasi. Lo scorso dicembre il governo di concordia nazionale di Tripoli ha annunciato di aver preso il pieno controllo della città di Sirte, città natale di Muammar Gheddafi, dopo quasi otto mesi di battaglia contro i jihadisti dell’Isis. Il sedicente Stato islamico rivendica l’attacco contro un checkpoint militare a sud della città libica di Ajdabiya, in Cirenaica. Amaq, l’organo di propaganda dell’Isis, “annuncia che sono stati uccisi due esponenti di una milizia di Haftar e distrutti tre veicoli in un attacco di combattenti dello Stato islamico ad Ajdabiya, a sud di Bengasi”. Intanto un comandante militare della zona di Ajdabiya ha confermato un bilancio di tre soldati morti e diversi altri rimasti feriti a seguito dell’attacco. “Un’operazione è in corso e stiamo dando la caccia agli assalitori che sono fuggiti nel deserto”, ha detto il colonnello Fawzi al-Mansouri. Fonti mediche e della sicurezza citate in precedenza dalla stessa Dpa riferivano che tra i soldati caduti nell’attacco, un soldato è stato decapitato, mentre il corpo di un altro militare è stato ritrovato carbonizzato.