Stupri di Rimini, la banda di Butungu aggredì anche due ragazzi bolognesi

Due giovani bolognesi, a quanto si apprende, verranno interpellati a breve dalla Procura di Rimini per un riconoscimento fotografico dei quattro componenti del branco accusati degli stupri di Rimini nella notte del 25 agosto, quando hanno brutalmente violentato una turista polacca, rapinato e picchiato l’amico, e stuprato una transessuale peruviana.

I due bolognesi aggrediti sul lungomare di Rimini

I due giovani bolognesi, infatti, potrebbero essere stati vittime della violenza del gruppo prima degli stupri. Quella notte, verso l’una e mezza, stavano camminando sul lungomare di Rimini quando all’improvviso sono stati accerchiati da quattro ragazzi e uno di loro è stato rapinato del telefono cellulare. Sull’episodio i ragazzi hanno presentato denuncia alla polizia.

La descrizione coincide con i quattro del branco

La descrizione dei quattro che li hanno aggrediti coinciderebbe con quella dei due fratelli marocchini di 15 e 17 anni e dell’altro minorenne nigeriano di 16, nonché del congolese Guerlin Butungu di 20 anni. Il telefonino sottratto a uno di loro, inoltre, è lo stesso ritrovato in possesso di Butungu al momento dell’arresto. Saranno, quindi, almeno tre le rapine contestate per la notte del 25 agosto a Butungu e ai suoi complici.