Ancora terrore a Londra: esplosione in metropolitana a Parsons Green

Panico a Londra, torna l’incubo del 2005. Esplosione nella metropolitana come rilanciato dal The Sun e dunque confermata su Twitter da diversi testimoni e fotografie. La deflagrazione è avvenuta a Parsons Green. Poco dopo il boato è circolata l’immagine di quello che potrebbe essere l’ordigno: dalle immagini appare decisamente rudimentale, un contenitore bianco all’interno di una busta per la spesa. Ci sarebbero diversi feriti, in particolare persone che avrebbero subito un’ustione al volto.

Secondo le prime informazioni, nei vagoni posteriori del treno sarebbe esploso un ordigno rudimentale, contenuto in un secchio di plastica bianca, riempiendo di fumo il vagone. Sospese le corse tra Earls Court e Wimbledon. Secondo i giornali inglesi un secchio «contente alcune sostanze» è esploso, provocando una «palla di fuoco»: gli inquirenti non hanno ancora chiarito se si sia trattato di un incidente o di un ordigno rudimentale.  Ora c’è una forte presenza di agenti armati: le misure di sicurezza sono quelle previste dal protocollo anti-terrorismo di Scotland Yard, sebbene le operazioni siano al momento sotto il comando della British Transport Police. “Ho visto una donna con ustioni sulla faccia e sulle gambe che veniva portata via in barella”, ha raccontato la presentatrice della Bbc Sophie Raworth che si trovava alla stazione della metropolitana di Parsons Green dopo l’esplosione avvenuta a bordo di un treno della metro di Londra. La giornalista ha raccontato del panico a cui ha assistito con decine di persone che, proprio nell’orario di punta, cercavano di allontanarsi dalla carrozza su cui si era udito un forte boato.

foto-the-sun: l'ordigno esploso

Foto da The Sun: l’ordigno esploso