Addio a Carlotta, la trans-icona che frequentava il Fdg e salvò un militante

venerdì 1 settembre 15:35 - di Luciana Delli Colli
carlotta-paiano-trans

«È più conosciuta Carlotta a Firenze che Andreotti in Italia». Carlotta Paiano era stata a suo modo una icona: negli anni Ottanta fu la più nota transessuale fiorentina. Così nota da meritare quel paragone con Andreotti, riportato nel libro Ma Donne di Nicola Casamassima. A ricordarlo è stato l’articolo de La Nazione con cui anche in Toscana è stata data notizia della morte, riportata ampiamente dai quotidiani pugliesi.

Una icona degli anni Ottanta

Carlotta è morta a Lecce, da sola, nella sua casa, a 57 anni, per cause naturali. È stata ritrovata dopo alcuni giorni grazie all’allarme dato da un parente. Le cronache ne hanno ricordato soprattutto la mondanità, il fatto di essere riuscita, lei, trans pugliese, a diventare una protagonista della vita sociale toscana, inserita nel jet-set, ospite ambita dei salotti buoni e «sogno erotico», riferisce La Nazione, di intere generazioni di giovani, affascinati dalla sua bellezza e da quella sua ambiguità che all’epoca era ancora un elemento esotico e sorprendente. 

A Lecce frequentava il Fdg, senza nascondersi

Nella sua vita precedente Carlotta era stata Carlo Paiano, che a Lecce «frequentava gli ambienti del Fronte della Gioventù e i luoghi di ritrovo dei giovani di destra, come il bar Alvino», ricorda Leccecronaca.it, chiarendo che «la sua natura» non rappresentava un problema né per lei né per gli altri militanti. E così, prima che per le notti discoteca, per la fama nei locali, per l’apertura del negozio di abbigliamento in Versilia, Carlotta a Lecce era ricordata anche per aver salvato un sedicenne missino dai colpi di pistola di un commando della sinistra extraparlamentare. Era il 3 giugno 1977, Pino Rauti teneva un comizio in piazza Sant’Oronzo. Il commando iniziò a sparare. Il suo intervento «fu provvidenziale», scrive ancora Leccecronaca.it, per salvare il ragazzino «rimasto isolato, inseguito dai facinorosi del Movimento studentesco e di Lotta continua armati di pistole, chiavi inglesi e bottiglie molotov». Carlotta, allora ancora Carlo, arrivò a bordo del suo Ciao, caricò in sella il 16enne e se lo portò via prima che venisse raggiunto. «In molti la ricordano nelle notti d’estate nei locali versiliesi», ha scritto La Nazione. Qualcuno in Puglia la ricorda anche per il suo coraggio. 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *