Ecco a voi il battibecco Juncker-Tajani: così l’Unione si rende ridicola (video)

 

L’aula è quella del Parlamento Europeo. Che ha una buona acustica. E così il battibecco JunckerTajani è stato molto rumoroso. Ha cominciato Juncker che, nonostante le ricorrenti maldicenze, sembrava assolutamente sobrio, ancorché incazzatissimo: “Il Parlamento Europeo è ridicolo. Assai ridicolo: saluto coloro che si sono degnati di essere presenti in aula. Il fatto che una trentina di parlamentari siano seduti ad assistere a questo dibattito dimostra a sufficienza che il Parlamento non è serio” ha tuonato il presidente della Commissione verso i trenta, circa, presenti e quei banchi desolatamente vuoti. Juncker accompagnava il premier maltese Muscat che avrebbe dovuto spiegare agli europarlamentari i successi magnifici e progressivi del semestre di presidenza di Malta appena concluso. Pensava, forse, il povero maltese di trovarsi di fronte a spalti gremiti e nugoli di telecamere. Nient’affatto. Praticamente non se l’è filato nessuno. Ed ecco spiegata l’ira di Juncker che, dopo la prima, ha rincarato la dose: “Se Muscat fosse la signora Merkel, cosa difficilmente immaginabile, o il signor Macron, più facilmente immaginabile, avremmo avuto un’aula piena. Il Parlamento è totalmente ridicolo!”. La frase finale è esplicativa del momento politico. E anche di quell’Unità che questa Europa senza cuore e senza ragione dice di cercare. Così alla fine s’è alzato Antonio Tajani, che del Parlamento è stato nominato fresco presidente ed ha subito rintuzzato il lussemburghese: “La prego signor presidente di aver un atteggiamento più rispettoso nei confronti del Parlamento. Voi potete criticare il Parlamento, ma non è la Commissione che deve controllare il Parlamento, è il Parlamento che deve controllare la Commissione”. Applausi dai trenta presenti. E buonanotte all’Unione europea.