Uccide un paziente facendogli bere soda caustica: arrestata l’infermiera

Un’infermiera 45enne, in servizio presso l’Ospedale di Venafro, in provincia di Isernia, è stata arrestata dai carabinieri a seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Isernia, in quanto ritenuta responsabile di omicidio volontario: la donna avrebbe somministrato a un paziente 76enne ricoverato per ictus, padre di una sua collega, della soda caustica, causandogli gravi lesioni al cavo orale che hanno portato l’anziano al decesso dopo atroci sofferenze

Folle gesto per vendetta

Il folle gesto, secondo gli inquirenti, sarebbe scattato in seguito alla riduzione di organico prevista dall’ospedale: l’infermiera infatti aveva ricevuto un provvedimento di trasferimento. Per questo la donna si riteneva danneggiata a favore della collega, figlia della vittima, che proprio per la grave situazione di salute del genitore aveva beneficiato del fatto di rimanere nell’organico. Celestino Valentino, 77enne di Pratella (Caserta) era ricoverato da diversi mesi al Santissimo Rosario per un’ischemia cerebrale che gli rendeva impossibile ogni movimento. Era il 22 giugno dell’anno scorso quando la moglie dell’anziano e la figlia, anche lei infermiera, lo trovarono in condizioni terribili per le lesioni alla bocca e alla trachea provocate dal passaggio della sostanza corrosiva che l’infermiera arrestata gli aveva fatto bere presumibilmente poco prima. Il 77enne fu trasferito all’ospedale di Isernia dove morì alcuni giorni dopo. Un video prodotto dagli inquirenti incastrerebbe il gesto folle dell’infermiera: si tratta di un video che ritrae la donna mentre in farmacia acquista soda caustica prima di commettere l’omicidio.