Direttrice delle Poste sviene per la paura, i banditi la soccorrono. Ma i soldi…

Gentiluomini sì, ma fino a un certo punto. Prima hanno messo in salvo la rapinata ma poi i soldi li hanno presi lo stesso. Stamane la direttrice della filiale di Poste italiane di viale Grassi a Castrì di Lecce ha avuto un malore quando si è trovata di fronte tre rapinatori armati e con il volto coperto, che erano penetrati nella notte nei locali dell’ufficio. I banditi l’hanno però rassicurata, dicendole che non volevano farle del male e che erano interessati solo a impadronirsi quanto prima dei soldi. La donna s’è riavuta, i banditi l’hanno perfino accompagnata in bagno facendole bere un bicchiere d’acqua in modo che potesse riprendersi. Poi, subito dopo essersi assicurati il bottino, circa 60mila euro, sono fuggiti a bordo di una autovettura uscendo dallo stesso foro dal quale erano entrati. La direttrice e l’impiegato sono giunti intorno alle 8 nell’ufficio e si apprestavano a compiere le operazioni preliminari prima dell’apertura al pubblico, prevista solitamente per le 8.30. A un certo punto da un locale sono spuntati i tre rapinatori armati, con il volto coperto da passamontagna e i guanti. Il malore della direttrice non li ha scomposti più di tanto. Si sono dimostrati freddi e preparati. Sull’episodio indagano i carabinieri della compagnia di Lecce e del Comando provinciale. Si conta sull’esame dei filmati dei circuiti di videosorveglianza anche se non sarà semplice visto che hanno agito a volto coperto.