Da Mafia Capitale a “Caduta libera”: il concorrente “a sorpresa” di Gerry Scotti

«Sono Roberto, vengo da Roma, ho 53 anni e faccio l’agente immobiliare». Così si era presentato, in studio come concorrente di ‘Caduta libera’, la trasmissione su Canale 5 condotta da Gerry Scotti un concorrente. Ma non si trattava di un uomo qualsiasi. Chi l’avrebbe mai detto che Roberto Grilli avrebbe fatto questa “carriera” televisiva nei quiz? Giacca blu e sorrisetto, pensava di passare sotto traccia, invece è stato “pizzicato” da Repubblica.it. Sul quale leggiamo la ricostruzione: Roberto Grilli è stato il superteste del processo di Mafia Capitale, “fino a quando, esattamente un anno fa, aveva ritrattato tutte le sue accuse nei confronti di Massimo Carminati. Nel 2012, infatti, lo skipper fu fermato in Sardegna con oltre 500 kg di cocaina nascosti nello scafo della sua barca; tra il carcere (ha rischiato una pena di 15 anni per narcotraffico) e la possibilità di collaborare, Grilli scelse la seconda tirando in ballo l’ex Nar”. Dagli interrogatori alle domande di Gerry Scotti il passo è stato relativamente breve. Roberto Grilli appariva sorridente ed elegante, dimostrando anche una certa conoscenza di cultura generale. Ha risposto a parecchie domande, ma è caduto sul nome del killer del film ‘Il silenzio degli innocenti’.