Turista aggredita dal portiere di notte di un hotel: le telecamere registrano tutto

Credeva di essere protetto dalla paura della donna che aveva appena aggredito e dal silenzio della notte il portiere di un hotel del centro di Roma – un cittadino bengalese di 33 anni –  accusato da una turista americana di molestie e abusi sessuali: e invece è stato incastrato dalle telcamere di sorveglianza che hanno resgistrato tutto e dal nervosismo che l’ha tradito all’arrivo degli agenti delle forze dell’ordine.

Portiere di notte aggredisce una turista americana

E così il portiere di notte di un albergo nel centro capitolino è stato arrestato dalla polizia per violenza sessuale. A denunciarlo è stata una turista americana, palpeggiata dall’uomo ieri notte al rientro in albergo. Come anticipato, il racconto della vittima ha trovato riscontro nelle telecamere di videosorveglianza della struttura. Dopo la segnalazione, dunque, la sala operativa ha subito inviato la pattuglia del commissariato Trevi che, arrivata in hotel, ha chiesto al portiere di poter parlare con la ragazza. L’uomo, sulle prime ha provato ad impedire la cosa, apparendo peraltro subito nervoso nel tentativo – esperito in tutti i modi – di ostacolare gli agenti, impedendo loro di salire con la scusa che non avevano il permesso del direttore, al momento assente.

Smascherato dalle registrazioni della telecamera

I poliziotti, a quel punto, sono comunque saliti e hanno trovato la stanza in cui la turista alloggiava: la donna, ancora sconvolta e agitata, ha raccontato loro di essere uscita in tarda serata per andare a fare una passeggiata e di aver lasciato la chiave della stanza al responsabile della reception. Al suo rientro la vittima ha trovato solo il portiere notturno dietro al bancone della hall il quale, mentre lei entrava in ascensore, ha allungato la mano come per farsela stringere e ne ha approfittato per tirarla a sé ed abbracciarla contro la sua volontà. Riuscita a liberarsi, la giovane è entrata in ascensore e l’aggressore ha continuato a palpeggiarla in più parti del corpo. Attimi di terrore, vissuti dalla tursita, il cui racconto di quanto subito dal bengalese 33enne ha trovato riscontro nella telecamera di sorveglianza, sopra la reception, che aveva registrato tutto. E così, con tanto di prova di quanto accaduto poco prima, al termine degli accertamenti il portiere è stato arrestato per violenza sessuale.