Fratelli d’Italia lancia l’allarme: il Lazio diventa la terra dei roghi?

Fratelli d’Italia lancia l’allarme roghi sul territorio della provincia romana: “Eco X di Pomezia, ex deposito Buffetti alla Magliana, oggi un altro deposito in fiamme a Malagrotta. In meno di un mese tre roghi che avvelenano il territorio, due di questi riguardano rifiuti. Cosa sta succedendo nel Lazio e a Roma? Perché, nonostante preoccupazioni e sollecitazioni lanciate dai cittadini, si continua a sottovalutare quella che si sta trasformando in una emergenza sicurezza? Che ci sia un disegno della criminalità organizzata dietro questi eventi?”. È quanto chiede Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia. ”Chi deve vigilare sulla salute e il rispetto delle regole – chiede – cosa sta facendo di concreto per tutelare gli abitanti del nostro territorio? Ci sono troppi interrogativi senza risposta rispetto a una situazione ormai allarmante. Mentre la città brucia, il sindaco Raggi e il presidente della Regione Zingaretti litigano come due bimbi e fanno finta di niente esponendo a rischi sanitari migliaia di abitanti, e mettendo in ginocchio le attività economico-produttive e le aziende agricole vicine a questi luoghi. Dobbiamo evitare che Roma e provincia si trasformino in una terra dei roghi del Centro Italia. Il sindaco di Roma e il presidente della Regione Lazio – conclude Santori – si assumano le proprie responsabilità per spiegare alla popolazione quello che sta accadendo”.