Pena ridotta (5 anni) al romeno ubriaco che uccise una donna e sua figlia

Sconto di quattro anni in appello all’investitore che ubriaco al volante, poco più di un anno fa, uccise mamma e figlia alla periferia di Arezzo, in località San Leo. In primo grado il quarantenne romeno Alexe Danut era stato condannato a 9 anni e due mesi di reclusione per omicidio colposo e guida in stato di ebbrezza. La Corte d’Appello di Firenze, accogliendo la richiesta della difesa dell’imputato, ha comminato a Danut la nuova pena di 5 anni e 2 mesi. La mamma, 51 anni, e la figlia, 10 anni, il 31 gennaio 2016 camminavano sul marciapiede e vennero travolte da Danut che viaggiava su una minicar con tasso alcolemico superiore di quattro volte al consentito e a una velocità superiore al limite di velocità. Il romeno resta in carcere.