Salvini contro Berlusconi e Bossi: «Non ho nostalgia delle cene di Arcore» (video)

«Io non ho nostalgia delle cene di Arcore, non ho nostalgia di essere al servizio di qualcun altro». Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord, non usa mezze misure nel commentare, a margine di una conferenza stampa a Strasburgo, le critiche rivoltegli dall’ex leader del Carroccio Umberto Bossi. All’indipendenza della Padania, obiettivo da raggiungere con “metodi democratici” sancito nell’articolo uno dello statuto della Lega Nord, prosegue Salvini, “io aggiungo la possibilità di scelta e di autonomia per tutti i popoli, per tutta Italia. Non voglio limitarmi all’orticello di casa mia: la Lega non è mai stata così in salute, così viva, così al centro del dibattito e con così tanti consensi”.  E le elezioni? «Io conto ancora che gli italiani possano votare in autunno. Questo è un governo fantasma, complice e inutile. Ogni giorno che passa c’è un’azienda che chiude. Spero che gli italiani in autunno possano scegliere un nuovo governo». Berlusconi è bocciato anche sull’idea di una doppia moneta: «Non ha economicamente senso: o di qua o di là. Ci sono i tifosi dell’euro che nonostante tutto dicono viva l’euro e ci sono coloro che, guardando alla realtà, dicono ‘prepariamoci al dopo, perché l’euro è un’esperienza quasi finita»

Salvini e la legittima difesa

«In Italia serve certezza della pena, se sbagli paghi! Il mio modello non è il Far West, ma la pacifica Svizzera, dove i cittadini sono addestrati dallo Stato all’uso delle armi, la criminalità è quasi inesistente e un ladro prima di entrarti in casa ci pensa due volte!», scrive su Facebook  Salvini a proposito della vicenda del ristoratore di Lodi che ha ucciso un rapinatore in fuga dalla sua osteria dopo un furto. «Se entri in piedi e esci steso te la sei andata a cercare, non devo essere io quello processato!».