Nomine, la Meloni attacca: «Sacrificato il futuro di settori d’avanguardia»

«La nomina di un banchiere esperto in  liquidazioni alla guida di Leonardo vuol dire che il governo  Gentiloni ritiene chiusa l’esperienza industriale di questa azienda  leader nei settori della difesa e dell’aerospazio». Lo scrive su  Facebook il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni . «L’esecutivo – scrive ancora Meloni- sacrifica il futuro del nostro più grande gruppo manifatturiero e dei suoi 50 mila lavoratori diretti per avvantaggiare Francia, Germania e Usa». «È la conferma  -conclude la Meloni – di quello che  Fratelli d’Italia dice da tempo: i governi Pd non difendono  l’interesse nazionale italiano perché sono al servizio di quei poteri  che vogliono distruggere l’Italia e la sua sovranità» .

Leonardo è attiva nei settori della difesa, dell’aerospazio e della sicurezza. Il suo maggiore azionista è il Ministero dell’economia e delle finanze italiano. Leonardo-Finmeccanica è il nome con cui si è identificata Finmeccanica a partire da aprile 2016. L’azienda ha successivamente modificato la sua denominazione sociale in Leonardo S.p.A. dal 1º gennaio 2017, a seguito dell’approvazione del cambio di denominazione sociale da parte del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda, avvenuta nell’aprile 2016   Dal 1º gennaio 2016 in Leonardo-Finmeccanica sono confluite le attività delle società precedentemente controllate AgustaWestland, Alenia Aermacchi, Selex Es, Oto Melara e Wass e l’azienda è stata strutturata in 7 Divisioni operative: Elicotteri, Velivoli, Aerostrutture, Sistemi Avionici e Spaziali, Elettronica per la Difesa Terrestre e Navale, Sistemi di Difesa, Sistemi per la Sicurezza e le Informazioni.

Si tratta quindi di un’azienda strategica. Perché mai nominare un banchiere alla sua guida?