Mosca, arrestato durante una manifestazione l’oppositore Navalny

Il leader di opposizione russo, Alexei  Navalny, è stato arrestato a Mosca nel corso di una protesta  anti-corruzione che aveva lui stesso organizzato. Dopo il fermo  Navalny è stato caricato su un furgoncino della polizia mentre la  folla protestava e tentava di impedirne l’arresto. Lo riferisce la Bbc sul suo sito.

A confermare l’arresto dell’oppositore è stata  una fonte delle forze di sicurezza russe citata dalla Tass. Navalny è  stato fermato dalla polizia non appena arrivato, ha detto alla Tass la stessa fonte, confermando che sono stati compiuti, oltre al suo,  numerosi altri arresti. Le autorità, è stato inoltre aggiunto, avevano avvertito l’oppositore e i suoi sostenitori esortandoli a non  intervenire alla manifestazione che non era stata autorizzata  dall’amministrazione della città. 

Navalny ha recentemente accusato pubblicamente il premier Dmitri  Medvedev di corruzione ed aveva chiamato i suoi seguaci a scendere  oggi in piazza in oltre cento città della Federazione la manifestazione.  Secondo la procura, che aveva annunciato dure misure contro chiunque  avesse partecipato  alla manifestazione non autorizzata, gli organizzatori  della marcia avevano respinto le proposte delle autorità cittadine che volevano spostare la protesta fuori Mosca. Oltre che a Mosca, manifestazioni si sono svolte anche a San Pietroburgo,  Saratov, Novosibirsk, Krasnoyarsk e Vladivostok.

“Tutto a posto. Continuate la vostra marcia pacifica”. Così  Navalny ha twittato subito dopo l’arresto.