«In Italia ci sono 400mila clandestini, non profughi, di fatto irreperibili»

“Tra il 2014 e il 2016 abbiamo fatto arrivare, per la gioia delle cooperative rosse che hanno lucrato sul business dell’accoglienza, una torta da oltre 4 miliardi l’anno, circa mezzo milione di immigrati”. Lo ha dichiarato il senatore della Lega Nord, Roberto Calderoli, commentando le cifre fornite dal capo della Polizia Franco Gabrielli nel corso di un’audizione. Di quelli arrivati nell’ultimo anno, aggiunge Calderoli, l’82% proviene dall’Africa, “dunque non sono profughi che scappano dalla Siria o dall’Iraq”. Di conseguenza “sul territorio italiano girano indisturbati centinaia di migliaia di immigrati irregolari, di fatto irreperibili”. “Così oggi ci ritroviamo 400 mila irregolari di cui nessuno sa nulla, dove sono, dove dormono, cosa fanno, di cosa vivono…”.

L’82 per cento viene dall’Africa, non dalla Siria

“Di fronte a questi numeri dovremmo sigillare le nostre frontiere terrestri, con i militari, e marine, con un blocco navale con pattugliamenti e respingimenti come fa la Spagna: invece insistiamo nell’andare a prenderceli nelle acque territoriali libiche e a portarli qui, per ingrassare le cooperative e le fila degli irregolari”, conclude Calderoli. Si è anche appreso che “nell’ultimo anno sono stati rintracciati 41.473 irregolari, tutti destinatari di respingimenti o di espulsioni con varie formule; quelli effettivamente allontanati dal territorio nazionale sono stati 18.664”. Lo ha detto il capo della polizia Franco Gabrielli, nell’audizione alla Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema d’accoglienza dei migranti.