“Allah Akbar”, marocchino terrorizza i passeggeri del treno per Venezia

Al grido di “Allah Akbar!”, ha seminato il panico tra i passeggeri a bordo del treno regionale partito dalla stazione centrale di Bologna e diretto a Venezia. Ieri pomeriggio, intorno alle ore 17,30, la centrale operativa dei Carabinieri di Bologna è stata allertata dalla telefonata di una donna che si trovava sul treno. La segnalazione è stata trasmessa subito a tutte le pattuglie dell’Arma interessate dal tratto ferroviario che il convoglio avrebbe percorso e, poco dopo, l’uomo è stato individuato nei pressi della stazione ferroviaria di San Pietro in Casale dai carabinieri che l’hanno riconosciuto grazie a una descrizione del capo treno.

Urla “Allah Akbar”, fermato un immigrato

Alla vista dei militari, lo straniero che ha urlato “Allah Akbar” è un 38enne marocchino senza fissa dimora, disoccupato, e con precedenti di polizia per reati in materia d’immigrazione clandestina e ricettazione. L’uomo ha ammesso le proprie responsabilità, dicendo di aver pronunciato la frase in un momento di preghiera, ma in realtà era ubriaco. Dopo aver trascorso la notte all’ospedale di Bentivoglio per accertamenti, i carabinieri l’hanno accompagnato presso la compagnia dell’Arma di San Giovanni in Persiceto per il foto segnalamento, in attesa di essere trasferito presso gli uffici della Questura di Bologna dove verrà valutato un provvedimento di espulsione con imbarco immediato e rientro in patria.