Totti a Sanremo pronuncia il nome “proibito”: «Povia». E Conti va in tilt

Forse è stato il momento più spontaneo e inconsapevolmente coraggioso della seconda serata del Festival di Sanremo. Anche se ora qualcuno, per metterci una pezza, sostiene che sia stata una battuta. Protagonista Francesco Totti. Ma non per il solito siparietto di autoironia sul livello culturale. E nemmeno per gli scontati battibecchi calcistici, «ti piace il colore viola», «il pallone è bianconero». Chiacchiere da bar, come canterebbe Povia, l’altro personaggio chiamato in causa all’improvviso, senza essere  in scaletta. L’artista diventato fantasma perché vittima della faziosità della Rai e dei “padroni” dello spettacolo.

Totti a Sanremo e quella performance inaspettata

Tutto è avvenuto in pochi secondi. Il copione del Festival prevede che, alla fine di ogni intervento degli ospiti chiamati sul palco, Carlo Conti chieda: «Qual è la tua canzone preferita di Sanremo?». L’ospite risponde e contemporaneamente, come per magia, si sente nel sottofondo il brano “amato”. Il che fa dedurre che è tutto già scritto, tanto per fare spettacolo. Ma Totti, si sa, è un tipo particolare. Forse perché, giocando anche d’istinto, non è abituato a ricordare il copione a memoria. E alla domanda rituale di Conti, il campione giallorosso resta un attimo in imbarazzo. Qual è la canzone preferita? Lui non risponde. Tant’è che Maria De Filippi gli sussurra di dirne una. E Totti pronuncia il nome proibito: «Povia». E poi aggiunge sorridendo a Conti: «La canzone del piccione, te la ricordi?». La magia stavolta non funziona, perché in sottofondo non si sentono le note di Vorrei avere il becco. Come se Totti non avesse risposto. E Conti sembra infilato da un gol in contropiede.

Povia: la coerenza di un vero artista

Tra tanti artisti, proprio Povia. Sì, il cantautore che, come racconta durante i suoi spettacoli controcorrente, è stato fatto fuori dallo scorso Sanremo perché voleva portare un brano in difesa dell’infanzia, con il nastrino bianco. E nel Festival dei nastrini arcobaleno avrebbe dato molto fastidio. Povia, il cantautore che non è sceso a compromessi per coerenza. Che ha il coraggio delle sue idee. Che denuncia le conseguenze dell’ideologia gender, difende il concetto di famiglia, fa concerti con la formula del convegno, parla di lobby gay, di burocrati,  di chi comanda (veramente) il mondo. Povia, l’artista apertamente schierato contro l’euro, che ha condotto sul web una forte campagna per il No al referendum e che denuncia il disastro storico causato dalla “pedina” Garibaldi. Un disastro che il Sud ha pagato a caro prezzo. Tanto di cappello a Totti, per il suo forse inconsapevole coraggio. Tanto di cappello a Povia, per il suo coraggio non inconsapevole.