Palme in piazza Duomo a Milano. Sala soddisfatto, ma c’è chi si sente spaesato

In piazza Duomo, nel cuore di Milano, sono state piantate nella notte di martedì le prime palme, modificando il look del luogo grazie allo sponsor Starbuck, che sta per aprire la sua prima caffetteria in Italia proprio nel capoluogo lombardo. 

Sala posta la foto della piazza con le palme

Tra i primi a ritrarre la nuova versione di piazza Duomo il sindaco Giuseppe Sala su Instagram. «Milano si risveglia con palme e banani in piazza Duomo. Come nella tradizione ottocentesca. Buona o cattiva idea? Certo che Milano osa eh…». I filari di palma si alterneranno a quelli di banano, creando un gioco di vegetazione di grandi foglie sempreverdi. Nei prossimi giorni, inoltre, saranno piantati arbusti, graminacee e piante perenni con fioriture alternate durante le stagioni in varie tonalità di rosa: in primavera ci sarà un tappeto di bergenia, durante l’estate i grandi fiori di ortensia, in autunno le infiorescenze delle canne giganti cinesi. L’aiuola resterà così per tre anni. L’installazione è opera del lavoro dell’architetto milanese Marco Bay, laureato presso il Politecnico di Milano e già autore del giardino per lo spazio museale dell’Hangar Bicocca e delle aree verdi per le sedi della Deutsche Bank in zona Bicocca e della «Serenissima» in via Turati.

Polito: sembra Castellammare di Stabia

Gli utenti social si sono scatenati, c’è chi parla di idea vincente e chi, come il giornalista Antonio Polito, dà un giudizio negativo: “Ci sono voluti secoli per fare Milano e con le palme sembra il lungomare di Castellammare di Stabia”. E c’è invece chi scrive: le palme c’erano già nell’800. Proprio in piazza Duomo.