Da Juncker pesante attacco a Trump: «Sull’Ue dice idiozie»

Il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker sembra proprio poco capace di controllare i propri nervi. Da lui arriva a sorpresa un pesante attacco a Trump. «Una preoccupazione che ho – dice Juncker – è che per il presidente Usa Donald Trump e soci la Brexit è una cosa  formidabile, benissimo, e che vorrebbero che altri paesi membri  dell’Ue facessero lo stesso. Se l’Ue dovesse sparire, i Paesi dei  Balcani Occidentali, nella regione più complicata dell’Europa,  perderebbero tutte le speranze di poter sistemare i loro conflitti,  che sono numerosi, in un cenacolo europeo. Bisognerebbe che queste  idiozie non vengano  ripetute».  Juncker lo ha detto durante una conferenza sull’Europa a  Louvain-la-Neuve, in Belgio, rispondendo ad una domanda. La  conferenza, “L’Europe: une vision d’avenir”, viene trasmessa dai  servizi audiovisivi della Commissione.

Juncker ha anche ricordato che l’Europa è «minuscola» in termini territoriali, anche se «pensiamo di essere importanti nel  mondo». Anche per questo, ha concluso, «io sono, contrariamente a  qualcuno che ha recentemente conosciuto dei successi elettorali, molto a favore del multilateralismo», e non di un «provincialismo che non si adatta alla complessità del mondo di oggi». Quella di Juncker non è insomma una semplice voce dal sen fuggita, ma un attacco in pena regola contro quello c he dovrebbe essere (anzi, che rimane) il principale alleato dell’Unione europea