Maltempo, è emergenza elettrica in Abruzzo: in 300.000 senza luce

Emergenza luce in Abruzzo: un blackout causato da guasti a diverse cabile e cavi dell’alta tensione ha lasciato 300.000 persone senza corrente. Ancora una conseguenza del maltempo che imperversa sulla Regione: e dopo le scuole chiuse, i corsi della viabilità deviati, gli spazzaneve alacremente in azione e altri disagi vari, adesso è caos elettricità in diverse aree abruzzesi dove, a quanto riferito dal sottosegretario alla presidenza della Regione con delega alla Protezione Civile, Mario Mazzocca, sarebbero 300.000 le persone senza corrente, un quarto della popolazione regionale.

Emergenza luce in Abruzzo

Numeri allarmanti che descrivono un disagio che si aggiunge dopo un lungo elenco di disguidi e problematiche legati all’ondata di gelo che sta funestando il Belpaese, tringendolo nella morsa del freddo e delle difficiltà ad esso connesse. E allora, si calcola che ben 159.000 utenze e circa 300.000 persone siano ancora senza elettricità. L’Enel, di contro, è impegnata con oltre 300 uomini a fronteggiare la situazione. Intanto, condizioni di disagio e di difficoltà persistono un po’ ovunque in Regione e, per esempio, nella provincia di Teramo alcuni paesi risultano isolati a causa della viabilità secondaria e principale. Dunque, a proposito di numeri, alle ore 8 di questa mattina le utenze disalimentate si aggiravano intorno alle 159.000. In Provincia di Chieti: 41.000 a causa di problemi che interessano la rete di E-distribuzione. In provincia di Pescara: 28.000. Circa 23.000 clienti sono disalimentati a causa dei problemi che interessano la rete di Alta Tensione Terna che comportano il fuori servizio della Cabina Primaria di Penne. In provincia di Teramo: 90.000, inclusi 22.000 clienti nella Città di Teramo. Circa 57.000 clienti sono disalimentati a causa dei problemi che interessano la rete di Alta Tensione Terna che comportano il fuori servizio delle Cabine Primarie Teramo Città, Cellino Attanasio, Isola del Gran Sasso.

In 300.000 senza corrente

E allora, da Chieti a Pescara, passando per diversi paesi del Teramano, il blackout in Abruzzo ha fatto trascorrere a moltissimi dei suoi abitanti le ultime 24 ore semza energia elettrica perché la neve ha danneggiato alcune cabine e spezzato dei cavi dell’alta tensione. Nel dettaglio, da quanto si apprende da media e siti locali, sembra si siano ghiacciati i manicotti delle condutture determinando un aumento di peso e un abbassamento della tensione. Motivi per i quali, diverse squadre dislocate sulle varie postazioni sono al lavoro da ore per ripristinare servizi e normalità e superare i disagi che stanno vivendo decine e decine di paesi, completamente isolati. Servizi e normalità messi sempre più a dura prova dal cadere incessante della neve…

Verso la richiesta dello stato d’emergenza

E allora, a seguito dell’ondata di gelo e neve che continua ad imperversare in Abruzzo è stata avviata la raccolta dati e la relativa procedura per la richiesta dello stato di emergenza nazionale, come annunciato dal Sottosegretario alla Presidenza con delega alla Protezione Civile Mario Mazzocca. Le continue nevicate hanno prodotto nella scorsa notte ulteriori guasti che interessano sia la rete di Alta Tensione gestita da Terna che la rete di Media Tensione gestita da Enel-distribuzione. Una situazione vergognosamente peggiore dell’emergenza che si ebbe nel marzo 2015.