Strage di Berlino, c’è un’italiana tra i dispersi: è una trentenne di Sulmona

Si chiama Fabrizia Di Lorenzo, ha 30 anni ed è originaria di Sulmona l’italiana che risulta tra i dispersi dopo l’attentato di Berlino. Il cellulare della giovane è stato trovato sul luogo della strage. Un ragazzo l’ha trovato e consegnato alla polizia. Gli appelli lanciati sui social network dai parenti in cerca di notizie sono rimasti ancora senza risposta. La ragazza non si sarebbe recata oggi presso il posto di lavoro. La giovane ha studiato all’università di Roma (laurea triennale in mediazione linguistico-culturale) e di Bologna (relazioni internazionali e diplomatiche) e ha un Master in tedesco presso l’università Sacro Cuore di Milano. Attualmente lavora in un’azienda tedesca di trasporti e logistica e collabora con un blog dedicato agli italiani a Berlino.

Poche le vittime identificate nella strage di Berlino

Su Facebook e su Twitter si susseguono le richieste di informazioni e anche la pagina di Chi l’ha visto è stata tempestata di messaggi e di richieste di segnalazioni. Tutte, finora, senza risposta. Fabrizia si è trasferita in Germania nel 2014 e ha un’esperienza di lavoro anche a Vienna. «Il bilancio della strage di Berlino è al momento di 12 morti e 48 feriti, di cui 18 gravi». Lo ha detto il ministro dell’Interno Thomas de Maizière nella sua dichiarazione a Berlino. «Solo poche vittime sono state finora identificate», ha aggiunto il ministro senza fornire ulteriori specificazioni.

appello-berlino