Pane e frutta fresca: ecco i cibi irrinunciabili sulla tavola degli anziani

Pane e frutta: i preferiti dagli anziani. Sono gli alimenti di gran lunga più presenti nella loro dieta e utilizzati con frequenza giornaliera.  Di pane e frutta fresca non fanno a meno l’85% degli intervistati, seguiti da ortaggi e verdura, cereali e derivati, latte e yogurt. I prodotti a base di cereali figurano nelle diete quotidiane di oltre la metà delle persone intervistate (52,4%), i formaggi nel 19,5%, le carni trasformate sono presenti in misura maggiore di quelle fresche (9,8% contro il 9%). Così, secondo una ricerca presentata voluta dall’Auser,  mangiano gli anziani. Con pane e frutta fresca, ma anche con un po’ di vino. Difficile rinunciare a un bicchiere di vino rosso durante i pasti, le bevande alcoliche sono assunte quotidianamente dal 41% di chi ha compilato i 7.241 questionari (il 25,6% con un reddito tra 500 e 800 euro, 29,25% tra 800 e 1.200 euro, 21,7% tra 1.200 e 1.500 euro, minima la percentuale di chi supera 2.000 euro di pensione). Pesce e uova sono consumati raramente tutti i giorni, la percentuale si abbassa al 4-6% degli intervistati, mentre porzioni quotidiane di legumi sono segnalate dal 7,5%. Questi ultimi gruppi di alimenti sono largamente presenti nella dieta settimanale con percentuali comprese tra l’85% e il 90%. Forti restano le differenze regionali di abitudini e culture alimentari da Nord a Sud, da Est a Ovest. I formaggi, per esempio, sono presenti nella dieta quotidiana del 24,5% degli anziani del Nord-ovest, mentre al Sud e Isole la percentuale scende all’10,5%. Anche la struttura sociale dei territori condiziona molto: il consumo per più di una volta a settimana di carni fresche è intorno al 65% tra Nord-ovest, Nord-est e Centro, scende al 59,6% a Sud e al 49,3% nelle Isole. Il pesce prevale al Sud (46,6%) con un consumo più di una volta a settimana. La colazione resta uno dei pasti fondamentali (caffelatte per il 57,7%, caffè 27,1%, 13,5% tè). Il 93,1% consuma i pasti a tavola, la metà davanti alla tv. Il 75,6% degli intervistati cucina per sè, per il coniuge o per i parenti. Solo il 17,5% butta il cibo avanzato dopo la preparazione e il 26,1% perchè scaduto. Il 40,1% è disponibile a cambiare le proprie abitudini (84% per questioni di salute, il 9,8% anche per eliminare lo spreco, il 6,1% per ridurre l’inquinamento). Senza rinunciare a pane e frutta, ovviamente.