Samsung blocca le vendite del Galaxy Note 7: le batterie esplodono, è giallo

FacebookPrintCondividi

Samsung blocca le vendite dei Galaxy Note 7 dopo che si sono verificati alcuni casi di esplosione delle batterie durante la ricarica. Koh Dong-jin, presidente della sezione mobile di Samsung, ha spiegato che i clienti che hanno già comprato il dispositivo potranno cambiarlo con un altro smartphone. L’azienda ha confermato che sono 35 i casi di esplosione, causati da problemi di batteria. L’annuncio arriva appena a due settimane dal lancio del nuovo dispositivo, venduti un milione di pezzi.

 Il Galaxy Note 7 e il perché del malfunzionamento

Non c’è ancora una spiegazione precisa sui motivi che hanno causato i problemi al Galaxy Note 7 con il malfunzionamento. Per adesso le colpe vengono riversate sulla batteria che è sigillata all’interno di una scocca impermeabile e di conseguenza potrebbe trovarsi a sostenere condizioni più stressanti rispetto a un comune accumulatore. Ma in molti negano che sia questa la causa e l’attenzione si è spostata sul sistema di ricarica,  perché le esplosioni delle quali si è venuti a conoscenza sono avvenute proprio durante la ricarica del dispositivo. Terza ipotesi è quella delle concause dovute al forte sospetto che gli incidenti siano avvenuti utilizzando caricatori o cavi non ufficiali, ma su questo si procede con cautela perché porterebbe alla constatazione che i Galaxy Note 7 non siano affatto sicuri.